mercoledì 18 gennaio 2017

RECENSIONE 2017 #03 - Hex Hall - Incantesimo


L'ho finito! Ieri notte non sono riuscita a staccarmi dalla lettura! Come detto, il prossimo libro che mi accompagnerà sarà Wanting my Stepsister (l'altra volta avevo scritto Waiting Stepsister... ok, fa nulla!) e non Diamante nero in quanto ancora non è arrivato a destinazione (e ci scappa una bella mail al venditore <,,<).
Comunque, pronti per la recensione?

SINOSSI: Sophie Mercer è una ragazza di sedici anni molto particolare. Tre anni fa, infatti, ha scoperto di essere una strega: un potere che ha ereditato dal padre e dalla nonna, ma che non sa ancora gestire. Dopo che il suo primo incantesimo, durante il ballo scolastico, ha causato dei danni e portato grande scompiglio, il padre ha deciso di spedirla in una scuola per ragazzi “speciali”, il Prodigium. I suoi compagni sono streghe, fate, licantropi e vampiri. Eppure Sophie non riesce ad ambientarsi: le altre streghe come lei sono solo superficiali e viziate, ha una cotta non corrisposta per un giovane mago, un fantasma la perseguita e la sua nuova compagna di stanza è la ragazza più odiata, nonché l’unico vampiro, di tutta la scuola. E, come se non bastasse, una misteriosa creatura sta attaccando gli studenti, lasciando due piccoli fori sul collo delle sue vittime, e la prima a essere sospettata è ovviamente la sua amica Jenna. Ma per Sophie le minacce non sono finite: scoprirà ben presto che una setta segreta vuole uccidere tutti gli allievi del Prodigium. E lei è la prima della lista.
COSA NE PENSA VIOLET?
Ebbene, confermo le mie prime impressioni! Hex Hall #01 è F A N T A S T I C O! Anche se mi aspettavo un po' più di adrenalina, reduce dai libri della Mead; speravo infatti che le emozioni fossero le medesime, ma ragazzi... non ci si può lamentare. Che finale inaspettato!
Andiamo per gradi!
Allora, Sophie, dopo un incantesimo d'amore andato male, viene trasferita alla Hecate Hall, ribattezzata dai suoi studenti Hex Hall. Nonostante sia una strega il suo livello è alquanto basso, tant'è che per la prima volta si rende conto di non essere poi così potente come pensava! In ogni caso Elodie e le sue stronzamiche, le chiedono di entrare nella loro congrega, in quanto unica nuova strega oscura della Hex Hall. Fortunatamente Sophie sembra rendersi conto di quanto odiose siano le ragazze del trio malefico e rifiuta l'offerta.
Fa amicizia con una vampira, l'unica dell'istituto, e con un altro stregone, Archer, che diventerà il suo sogno sessuale per i giorni a venire (tenete d'occhio il ragazzo perché sarà fondamentale ai fini della storia!).
Alla Hecate però non è tutto oro ciò che luccica e a parte le odiose fate e streghe, gli strani mutaforma e gli ancor più inquietanti lycan e fantasmi, si rende conto che c'è qualcosa che non va. Difatti alcune ragazze vengono prese di mira da qualcuno che ne dissangua completamente i corpi.
Ovviamente la colpa ricade sulla sorella separata alla nascita di Draculaura, Jenna, e sul professore di... boh, letteratura? Lord Byron, sì, proprio quel Lord Byron!
Non vi racconto altro, vi dico solo che pian piano, assieme alle indagini che la protagonista svolgerà per scagionare la sua migliore amica Jenna (questa in meno di 30 pagine diventa la sua migliore amica, davvero?), scopriremo qualcosa di più sulla simpaticissima protagonista e la sua storia.

La Howkins ha svolto davvero un lavoro eccellente nel creare il mondo di Hex Hall, attingendo anche dalla storia, ma ancor di più nel dipingere l'albero genealogico della protagonista, i cui natali affondano le radici in antichi intrighi e strani riti pagani.
Tanto di cappello anche per la creazione degli antagonisti dei Prodigium, i quali seppur non ancor ben delineati, sembrano tanto agguerriti quanto pericolosi.
Sono curiosa di leggere i prossimi, ma per il momento mi pregusto il sapore dolce e anche un po' amaro che succede immediatamente la fine di una lettura avvincente come questa!









5 ★ meritatissime per Hex Hall #01!

Nessun commento:

Posta un commento